Mai rinunciare ad una bella vacanza in barca a vela, anche quando ci sono bambini in tenera età. Infatti, senza particolari sacrifici, il viaggio sarà divertente: basta scegliere e attrezzare bene la barca, con una cambusa adatta e magari costruire un itinerario pensando anche alle esigenze dei più piccoli.

september-2009-008

E’ ovvio che bisogna viaggiare su barche adatte,  che abbiano spazi adeguati: quindi un primo suggerimento è quello di optare per uno scafo confortevole e con ampi gavoni dove stivare ciò che serve (dal passeggino al seggiolino da fissare con gli appositi agganci al tavolo della dinette, dai giochi ai pannolini).

Gli esperti danno anche qualche numero di riferimento per navigare tranquilli e in sicurezza: con un solo bambino serve uno scafo di almeno 9 metri, con due bambini uno di 11-12 metri mentre per le famiglie più numerose meglio orientarsi sui 13-14 metri.

baby

Portare i bambini in barca significa anche programmare con attenzione le varie tappe della crociera, rinunciando in parte alla filosofia del “vivere alla giornata”. Il consiglio è dunque di scegliere marine attrezzate con possibilità di sbarcare a terra in maniera semplice e in ogni condizione meteorologica: rade dove fare giocare i bambini e tappe brevi. Per questo l’Arcipelago Toscano o le Isole Eolie possono essere le scelte migliori. Qui potete prenotare subito il vostro ormeggio.