Questa settimana Marinanow naviga verso il Delta del Po fino a raggiungere le splendie Valli di Comacchio dove potrete incontrare un porto accogliente e moderno: Marina Lido degli Estensi


Il delta del Po


Il delta del Po è costituito dall’imponente sistema di diramazioni fluviali attraverso cui il fiume Po sfocia nel Mare Adriatico dopo il suo corso lungo la Pianura Padana. Il suo attuale aspetto è il risultato delle conseguenze del sisma del 17 novembre del 1570 e del Taglio di Porto Viro, grande opera idraulica attuata dalla Repubblica di Venezia nel 1604.



L’estensione di tutto il territorio è di circa 18 mila ettari suddivisi nella zona del così detto “delta attivo” che ricade interamente nella Provincia di Rovigo o Polesine e ne occupa quasi interamente la porzione orientale (a partire dall’incile del Po di Goro sino al mare) e quella del “delta storico”. Quest’ultima è compresa tra gli antichi rami deltizi del fiume Po: il Po di Volano e il Po di Ferrara o Po di Primaro, e include la parte della Provincia di Ferrara compresa tra i vertici di Stellata, Sacca di Goro e Valli di Comacchio.

Tutta l’area è caratterizzata da un incredibile patrimonio naturalistico e zoologico che la rende unica in Italia e in tutta Europa.

I crescenti problemi ecologici e ambientali hanno spinto, sul finire degli anni ottanta, verso una maggiore presa di coscienza dell’importanza della salvaguardia della natura. Si è quindi provveduto ad individuare le aree di maggior pregio ambientale, definendo le misure atte a tutelarle.

Il delta del Po è stato inserito, dal 1999, nella lista dei siti italiani patrimonio dell’umanità dell’UNESCO come estensione del riconoscimento conferito alla città di Ferrara nel 1995.


Gli itinerari



Sono tanti i modi per scoprire il delta del Po. Se desiderate un itinerario in auto o in moto potrete percorrere le sue strade e i suoi sentieri godendo di splendide viste panoramiche. Ma se preferite entrare in contatto profondo con il suo patrimonio naturale e storico vi consigliamo di scegliere uno fra i tanti percorsi a piedi, in bici, oppure in barca con un’escursione in motonave.



Le motonavi, che partono dai porti di Gorino, Goro e Portogaribaldi, vi consentiranno di ammirare la Sacca di Goro, la Valle di Gorino, l’isola del Mezzanino e altre zone alla foce del Po, mentre nelle valli di Comacchio, caratterizzate da uno scenario del tutto peculiare, potrete addentrarvi nello straordinario mondo della “civiltà della palude”. Qui potrete scegliere tra il noleggio di una imbarcazione, le numerose escursioni a piedi o in bicicletta e le bellissime passeggiate a cavallo, che partono da diverse aree e dalle principali località balneari.



Il territorio del Parco del Delta del Po è inoltre ricco di torrette di avvistamento e capanni per gli amanti del bird – watching. Gli uccelli del Delta del Po costituiscono la più importante area ornitologica italiana e una delle più rilevanti d’Europa, un patrimonio di enorme valore, con oltre 310 specie segnalate, un’area di studio che porta a continue nuove scoperte.



Comacchio e le sue valli


Comacchio è, sotto l’aspetto paesaggistico e storico, uno dei centri maggiori del delta del Po. Ha origine circa duemila anni fa, ed è stata parte dell’Esarcato di Ravenna prima, del Ducato di Ferrara in seguito, dei territori dello Stato Pontificio e, in epoca alto medievale, passò sotto il dominio Estense. Con la caduta della dinastia Estense tornò nuovamente allo Stato Pontificio fino al 1860 quando venne annessa al Regno di Sardegna e poi definitivamente alla Repubblica.

La sua storia si riflette nel suo ricchissimo centro storico che ancora oggi, conservatosi intatto, regala angoli e memorie di questo imponente passato.

L’abitato di Comacchio è disposto su tredici isole collegate da ponti che rappresentano uno degli elementi architettonici principali del borgo. Tra le sue bellezze un gran numero di chiese ed edifici tra i quali spicca l’Abbazia di Pomposa, meta di molti turisti.



Ma quello che maggiormente suggestiona il visitatore che giunge a Comacchio è certamente il panorama delle sue Valli, un complesso di circa 11.000 ettari di superficie, ridotti progressivamente in seguito alle bonifiche.

Le Valli di Comacchio sono un’ampia zona umida e paludosa caratterizzata da un’acqua salmastra e salata e da un’ampia varietà di specie animali e vegetali: conigli selvatici, germani reali, aironi, cormorani e fenicotteri rosa. Le Valli sono percorribili attraverso vari itinerari turistici lungo specchi d’acqua e lingue di sabbia, fino alla costa e sono collegate al mare tramite canali.



Storicamente si sono formate in seguito all’estinzione del ramo principale del fiume Po e al temporaneo innalzamento del livello del mare.

Questo straordinario sito naturalistico è stato dichiarato Zona umida d’importanza internazionale dalla Convenzione Ramsar e dall’Unione Europea Sito di interesse comunitario Zona di protezione speciale per la conservazione degli uccelli.



L’economia di Comacchio si basa sulla pesca e sul turismo balneare e naturalistico. Nel comune di Comacchio ai bordi del Parco del Delta del Po si trovano i Lidi Ferraresi, sette località balneari situate sulla riviera romagnola che si sviluppano lungo un litorale di circa 25 Km e sono caratterizzati da vaste spiagge sabbiose attrezzate.



I piatti tipici della zona sono a base di pesce: risotti di mare e alla pescatora, spaghetti ai granchi o alle canocchie, zuppe di pesce e grigliate. Ingrediente tipico del luogo è l’anguilla che dà luogo anche a una celebre sagra che si svolge nel periodo autunnale, da gustare marinata, ai ferri o in umido.


La Marina



Il Lido degli Estensi è situato nella zona Sud della città di Comacchio e fa parte del complesso portuale di Porto Garibaldi. Si estende su una superficie di 33000 mq e comprende diversi pontili galleggianti.

Grazie ai servizi offerti e alle strutture presenti è un moderno centro di villeggiatura ricco di eventi mondani, boutiques, negozi, locali e attività per il tempo libero: è il lido del divertimento, la spiaggia dei giovani, il viale dello shopping.

Fiore all’occhiello del Lido è il porto turistico Marina degli Estensi, accessibile dal canale di Porto Garibaldi e dotato di tutti i migliori servizi per il diportista.

L’orario di accesso al porto è continuato. La darsena è ben protetta dai venti e dal mare tuttavia è bene prestare attenzione soffiano forti i venti di Scirocco e Grecale.



I servizi



Il Cantiere



Nell’area portuale nella zona Sud di trovano una gru fissa fino a 3,5 t, una gru mobile fino a 20 t, scivoli e scali d’alaggio. Sul lato Nord della banchina è presente un distributore di carburante aperto dalle 8 alle 19. Il Marina offre servizio di alloggio e varo barche, assistenza e manutenzione.

  • Servizio di alaggio e varo con travel – lift da 50 tonn. e gruetta per il disalbero delle imbarcazioni a vela e sollevamento motori
  • Scivolo per imbarcazioni carrellabili sino a mt. 6
  • Servizio di cantiere: lavori di carenaggio, lavori in vetroresina, veleria, assistenza elettronica e meccanica
  • Darsena “a secco” per oltre 200 imbarcazioni
  • Area dedicata al “fai da te

CallToActionBlog_marina


Trova il tuo ormeggio nel Delta del Po