Portovenere – Pontile Ignazio

Portovenere è un comune italiano situato nella baia dell’Olivo in provincia di La Spezia (Italia), nell’estremità meridionale di una piccola penisola che disegna la sponda occidentale del golfo della Spezia, anche detto Golfo dei Poeti.  Nel 1997 il comune, insieme alle isole Palmaria, Tino e Tinetto e al territorio delle Cinque Terre è stato inserito tra i Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Il Pontile Ignazio è situato di fronte all’isola Palmaria, a soli 200 metri dal porticciolo di Portovenere. La marina, con una disponibilità di circa 40 posti barca, è l’ideale per chi desidera visitare i paesaggi del Parco Naturale delle Cinque Terre, distante solo pochissime miglia, o immergersi in un avventuroso viaggio alla scoperta delle isole di Palmaria, Tino e Tinetto. La struttura della marina si compone di moduli galleggianti modello Montecarlo, la cui qualità è garantita dal marchio Martini Marinas. I pontili assumono una forma a T con catenaria e assicurano l’approdo alle imbarcazioni in transito e fisse. Nella marina è possibile ormeggiare con imbarcazioni di lunghezza dagli 8 ai 16 metri, mentre per le imbarcazioni in transito si rispetta il limite dei 25 metri. I diportisti che decidono di ormeggiare presso il Pontile Ignazio potranno usufruire di numerosi servizi tra cui l’assistenza all’ormeggio, la raccolta dei rifiuti, il rifornimento di acqua e corrente, la pulizia delle barche, il distributore di carburante ed i servizi igienici. Inoltre, nelle immediate vicinanze della marina si troveranno numerose attività commerciali e tante imprese di servizi capaci di soddisfare le esigenze dei clienti senza che essi debbano allontanarsi troppo.

Saprà questo piccolo, incantevole e suggestivo borgo accarezzato da onde spumeggianti conquistarvi? Iniziamo il nostro tour virtuale alla scoperta delle principali attrazioni di Portovenere:


portovenere


Una volta ormeggiata la nostra barca nel pontile Ignazio imboccheremo la passeggiata Aldo Moro, a cui la marina è collegata direttamente tramite un pontile autoportante. Lungo la passeggiata avremo la possibilità di immergerci nel lato più caratteristico di Portovenere, tra le casette colorate e i borghi marinari ricchi di fascino e cultura, in cui potremo rilassarci dopo il nostro viaggio gustando le ottime pietanze in uno dei tanti ristoranti di pesce del posto prima di addentrarci alla scoperta del ricco patrimonio architettonico della zona.

Tra i monumenti di maggiore rilevanza troviamo la Chiesa di San Pietro, la quale sorge sulle ceneri del Tempio di Venere, in un ambiente suggestivo in cui il mare e la pietra si mischiano ed il silenzio viene rotto dal rumore delle onde che si infrangono sulle sottostanti scogliere.


portovenere chiesa san pietro


Altro spettacolare monumento è il Castello Doria, il quale si erge sulla sommità di un promontorio roccioso da cui domina l’intero borgo marinaro. Attualmente il castello è sede di numerose mostre d’arte e convegni ed è completamente visitabile.

Sotto il castello si incrociano i sentieri che collegano due dei parchi più belli d’Italia, il Parco delle Cinque Terre ed il Parco di Portovenere. Un’immersione totale nella natura ed un viaggio nell’universo della sostenibilità ambientale.

Dopo la lunga passeggiata all’interno dei parchi è ora di tornare alla nostra barca per salpare alla volta delle isole dell’arcipelago Spezzino: 


palmaria portovenere


La prima isola che incontreremo è l’isola di Palmaria, la più grande dell’arcipelago, separata da Portovenere solo da uno stretto braccio di mare denominato Le Bocche. La costa occidentale dell’isola è caratterizzata da alte falesie a picco sul mare, nelle quali si possono scorgere molteplici grotte. Tra le grotte visitabili maggiormente affascinanti troviamo la Grotta Azzurra e la Grotta dei Colombi. La prima, la cui particolarità è legata alla trasparenza dell’acqua, si estende per circa 60 metri ed è interamente visitabile a bordo di piccole imbarcazioni, mentre la seconda è visitabile solo dall’alto grazie all’uso di una corda con cui calarsi.  All’interno della Grotta dei Colombi sono presenti testimonianze di insediamenti umani risalenti al Paleolitico Superiore e al Neolitico.

Proseguendo troveremo poi le Isole del Tino e del Tinetto, in cui sarà possibile scoprire la ricca vegetazione e la fauna tipica del luogo, in cui spicca la presenza del Tarantolino, la specie di geco più piccola mai rinvenuta.


fondali portovenere


Il territorio di Portovenere offre, inoltre, un ricco paesaggio marino da esplorare, ogni anno meta di numerosi subacquei provenienti da tutta Italia. L’area marina con un’estensione di tre chilometri è sottoposta a tutela per la particolarità degli habitat e la ricca biodiversità dei fondali, caratterizzati dalla presenza di una variegata vegetazione e dalla presenza di numerosi organismi marini. Scendendo in profondità troveremo anche numerose grotte marine, e zone di precoralligeno e coralligeno, le quali rappresentano il paradiso degli appassionati di esplorazioni subacquee

Siamo arrivati alla fine di questa escursione in una delle zone più suggestive d’Italia ed è ora di far rientro verso casa. Se siete rimasti incuriositi e desiderate visitare ogni angolo di terra e di mare di Portovenere potrete prenotare la barca che vi accompagnerà durante il vostro tour su Marinanow al seguente linkoppure se possedete già una barca e desiderate prenotare il vostro posto barca presso il Pontile Ignazio, direttamente online e senza nessun costo aggiuntivo, potrete farlo subito solo con un click. Buon viaggio!

CallToActionBlog_marina