L’itinerario che vi proponiamo nel bel mare croato si concentra a nord, con partenza e rientro a Spalato (Split) toccando Maslinica (Solta) – Zlarin – Skradin – Šibenik – Tribunj – Primosten – Trogir – Krknjaši (Veli Drvenik). Qui potrete trovare le informazioni utili ad affittare una barca sul luogo.

1° giorno: Split – Maslinica (Solta)

Maslinica è l’unico insediamento di Solta,  l’isola sulla costa occidentale: una meta nautica entusiasmante grazie alle sue numerose insenature riparate dal vento e il suo mini-arcipelago di sette isole, che la rendono straordinaria per chi ama le immersioni e la pesca subacquea. La sua baia più visitata è la baia Sesula.

croazia-mare

2 ° giorno: Maslinica – Zlarin (Zlarin)

Zlarin è la terza più grande delle sei isole abitate dell’arcipelago di Sebenico. Storicamente meta privilegiata dei viaggiatori amanti delle attività nautiche, in particolare della subacquea: bellissimi i banchi  di corallo che già a partire dal 13 ° secolo sono stati fonte di commercio. Un’isola in parte disabitata, dove immergersi completamente nella natura, sia dentro che fuori dall’acqua.

3 ° giorno: Zlarin – Skradin

Skradin è una città con una storia lunga 6000 anni, grazie alla sua posizione strategica nel cuore dell’ Adriatico centrale, presso la foce del fiume Krka: una rotta marittima conosciuta fin dai tempi degli antichi Liburni, Greci e Romani. Meritano certamente una visita le vicine cascate Krka, oggi un parco nazionale croato.

Kornati_itinerario

4 ° giorno: Skradin – Šibenik – Tribunj

Tribunj è una città a 15 km da Sebenico, circondata da alberi di ulivo e di frutta: paese di pescatori, negli ultimi anni ha investito nel turismo,  soprattutto nautico. La nuova marina, infatti,  dispone di circa 300 posti barca, ben schermati dai venti; e la zona Tribunj è ricca di splendide spiagge dove godere di una autentica atmosfera mediterranea.

5° giorno: Tribunj – Primosten

Un promontorio incantevole dove si arrampicano una serie di casette di pietra bianca con tetti pure di pietra, circondate da quel che resta delle mura e al centro dell’isoletta una grande chiesa. Collegata alla costa da un argine, e per entrare in paese si passa da una antica porta che si affaccia su una piazza dove si trovano piccoli negozi e locali caratteristici. La marina Kremik oggi, con oltre 400 posti barca in uno dei luoghi più sicuri per ormeggiare nel mare Adriatico, continua la vecchia tradizione di Primosten.

primosten

6 ° giorno: Primosten – Trogir

Trogir è una città-museo nel vero senso della parola: è infatti la città romanico-gotica meglio conservata in tutta Europa centrale. Il castello e la torre, circondata da muri in pietra, contengono il vecchio nucleo di Trogir. Il più significativo monumento culturale è la cattedrale. Si trova sulla costa della baia Kaštelanski, su un’isola collegata alla Ciovo e la terraferma da ponti di pietra. La riviera di Trogir è caratterizzata da una ricca vegetazione mediterranea, oliveti come vigneti, numerose isole e insenature, spiagge sabbiose e ghiaiose. Una costa incontaminata dove veleggiare per rotte sicure.

7 ° giorno: Trogir – Uvala Krknjaši (Veli Drvenik) – Split

Veli Drvenik è un’isola nella Riviera di Spalato, a soli 6,2 miglia nautiche al largo della costa di Trogir: la bellezza della costa molto frastagliatala rende un’affascinante destinazione nautica. Tutte le attività subacquee intorno a Drvenik sono severamente proibite.

Uvala Krknjaši è una baia sul lato orientale dell’isola, ben protetta dai venti, soprattutto quelli ad ovest e nord-ovest. Si tratta di un ottimo punto per ormeggiar, e  scoprire la piccola località nella baia che offre alloggi e specialità locali. Clima mite e acque poco profonde, insieme ad una incontaminata bellezza naturale la rendono irresistibile per gli amanti dell’avventura.

Scegliete sul nostro portale l’imbarcazione che volete affittare o prenotate subito il vostro ormeggio…e buona navigazione!

 

CallToActionBlog