La Costa d’Argento, con il suo litorale ricco di insenature e calette nascoste, è la meta perfetta per una vacanza in barca in Toscana. Ecco 6 porti dove gettare l’ancora durante l’esplorazione della maremma grossetana. 

Una linea costiera irregolare, ricca di scenari unici: la Costa d’Argento  toscana è una delle mete più ricercate dagli amanti del mare e della barca a vela

Si estende  da Talamone fino al litorale di Capalbio, ai confini della Toscana: il tombolo della Giannella e il tombolo di Feniglia, con le loro spiagge larghe e sabbiose, si uniscono attorno alla laguna di Orbetello, a formare un promontorio roccioso, dove si erge il Monte Argentario. Di fronte, la selvaggia Isola del Giglio, che rapisce con le sue bellezze naturali e il mare incontaminato.

La Costa d’Argento racchiude le spiagge più belle della Toscana: presenta tratti bassi e sabbiosi, con baie e calette nascoste, che si alternano a tratti rocciosi, ricchi di grotte e isolotti da esplorare con un mezzo nautico. Inoltre è bagnata da un mare ricco di forme di vita sottomarina, molto amato dagli appassionati delle immersioni e lo snorkeling.  

Cosa aspettate? Pronti a lanciarvi alla scoperta della Costa d’Argento toscana in barca? Ecco sei porti dove gettare l’ancora durante la vostra vacanza in barca a vela nelle acque della maremma toscana. Scopriamoli insieme. 

I porticcioli della Costa d’Argento toscana: Talamonaccio, la Foce dell’Algena e Santa Liberata

La Costa d’Argento offre diversi porticcioli turistici e porti ben organizzati che rendono molto piacevole veleggiare nelle sue acque. 

Lungo il tombolo della Giannella trovate ben tre punti di appoggio molto validi per attraccare e fare rifornimento. Stiamo parlando di Talamonaccio, la Foce dell’Algena e Santa Liberata. 

Talamonaccio è il punto d’appoggio ideale per esplorare il Golfo di Talamone. A nord resterete senza fiato per le sue scogliere, la Rocca medievale e il Parco Naturale della Maremma. Le spiagge in questa zona presentano fondali rocciosi e sono perfetti per le immersioni. Spostandosi verso sud, gli scogli lasciano il posto a spiagge sabbiose e troverete acque perfette per praticare kitesurf e wind surf

La Foce dell’Algena offre un porticciolo attrezzato in cui appoggiarsi per esplorare la zone delle Saline e l’Oasi WWF di Orbetello, la laguna più importante d’Italia. 

Santa Liberata invece si trova nel punto in cui il tombolo si unisce al promontorio dell’Argentario, da cui partire per andare in esplorazione delle spiagge più belle della provincia di Grosseto e della Toscana. 

Veleggiando nelle acque dell’Argentario: Porto Santo Stefano

Il promontorio dell’Argentario ospita a nord Porto Santo Stefano e sud Porto Ercole. Un tempo erano porti di pescatori, oggi invece sono località mondane che attraggono migliaia di turisti, con le numerose spiagge e calette che li circondano, ma anche per le numerose testimonianze storiche. 

A Porto Santo Stefano, potrete passeggiare sul lungomare disegnato da Giorgetto Giugiaro,  ricco di negozi e ristoranti glamour, animato dal traffico dei pescherecci e dal mercato ittico.  Da qui, è possibile addentrarsi nella macchia mediterranea che ricopre il Monte Argentario, per recarsi al Convento dei Frati passionisti, un antico santuario fatto costruire da San Paolo della Croce nel 1737. 

Inoltre da Porto Santo Stefano è facile raggiungere la vicina Isola del Giglio oppure lanciarsi nell’esplorazione delle bellissime spiagge del promontorio come Giannella, Cala del Gesso e Cala Grande

Costa d’Argento in barca:  Porto Ercole

Porto Ercole si trova in posizione speculare rispetto a Porto Santo Stefano, ma a sud del promontorio. È molto frequentato in primavera e in estate per i numerosi posti barca disponibili e un lungomare ricco di ristoranti mondani e negozi raffinati. 

Inoltre Porto Ercole è famoso per essere stato nominato, dal 2004, tra i borghi più belli d’Italia: nella sua parte più antica, attraverso un reticolo di vicoli stretti, potrete arrivare alla Chiesa di Sant’Erasmo, dove sono custodite le tombe dei governanti spagnoli. Da non perdere sono anche la Rocca e la Chiesa di San Rocco.

Se vi fermate a Porto Ercole, non potrete che apprezzare la meravigliosa spiaggia della Feniglia, caratterizzata da sabbia bianca e finissima e da un bosco di macchia mediterranea che raccoglie diverse specie protette.

La maremma toscana in barca: il porto di Cala Galera

Lì dove il tombolo di Feniglia si incontra con il promontorio dell’Argentario trovate Cala Galera, un moderno porto turistico costruito negli anni ‘70 da Susanna Agnelli. 

Negli anni è diventato uno dei porti più grandi e attrezzati della Regione Toscana, con quasi 670 posti barca, dai 6 ai 50 metri e in grado di fornire un’assistenza nautica completa. La spiaggia di Cala Galera si fregia da diversi anni della Bandiera Blu, per il suo mare limpido che bagna la spiaggia sabbiosa. Il fondale è molto basso, tanto che è possibile arrivare fino alla vicina spiaggia della Feniglia camminando in acqua. La pace e tranquillità che troverete sono impagabili.